Differenza tra aspirapolvere e scopa elettrica

Differenza tra aspirapolvere e scopa elettrica

Qual è la differenza tra aspirapolvere e scopa elettrica? Entrambi servono per togliere polvere e sporcizia dai pavimenti, ma non sono la stessa cosa.

Maggiore differenza tra aspirapolvere e scopa elettrica

Iniziamo con il dire che di solito l’aspirapolvere tradizionale viene trainato, quindi ha due ruote più grandi e fisse nella parte posteriore e una più piccola e girevole davanti o sotto.

Si dice che è “a traino” perché tenendo il tubo dell’aspirapolvere e tirando, fai muovere l’aspirapolvere verso la zona da pulire.

Di solito questo genere di elettrodomestico è alimentato attraverso un cavo elettrico inserito nella presa. Quindi di tanto in tanto, devi fermarti, perché il filo non arriva più e cambiare presa di corrente.

Qui sopra ti ho mostrato un classico aspirapolvere a traino, di quelli che trascini per la casa. Il cavo è lungo un paio di metri, e comunque a seconda del modello. Una volta finito di fare le pulizie basta premere sul tasto di cui l’aspirapolvere è datato per riavvolgerlo automaticamente.

Come ti dicevo, l’aspirapolvere è dotato di un lungo tubo flessibile che impugni e con il quale tiri l’elettrodomestico. In più ci sono vari accessori, come ad esempio diverse spazzole.

Sostanzialmente ci sono due tipi di aspirapolvere: quelli a sacchetto (che devi cambiare una volta pieno, quindi rappresentano un costo come ricambio) e quelli con tecnologia ciclonica (cioè senza sacchetto, ma che devi svuotare regolarmente).

Tra questi due meglio optare per un modello con tecnologia ciclonica ed evitare di doversi procurare i sacchetti. Oltre che un costo sono un problema (devi andare a comprarli in un negozio oppure trovarli online e non sempre è comodo o sono reperibili se il tuo elettrodomestico ha qualche anno).

Sono tutti dotati di un sistema di filtraggio dell’aria.

Puoi trovare anche piccoli aspirapolvere a batteria, ma non hanno lunga autonomia.

La scopa elettrica, invece, è più simile appunto, ad una scopa. Innanzitutto la sua struttura si sviluppa in altezza. Non hai bisogno di piegarti, abbassarti o tirare.

Puoi utilizzarla con una sola mano e i tasti di accensione/spegnimento sono a portata di dita! Ci sono sia modelli alimentati attraverso un cavo, quindi anche qui devi cambiare presa mentre lo fai le pulizie.

Le scope elettriche sono dotate di un sacchetto oppure di un contenitore di plastica. Una di queste che hanno senz’altro fatto la storia è il Folletto. Mia mamma lo aveva, un vecchio modello a filo. Ricordo che per acquistarlo dovevi far venire a casa un venditore.

folletto modelli Differenza tra aspirapolvere e scopa elettrica

Ora ha decisamente un aspetto più moderno ed è anche senza filo e ovviamente puoi, sia prenotare una dimostrazione (come facevano una volta) che acquistarlo online su Amazon. Funziona con sacchetto.

Altre famosissime scope elettriche sono le Dyson (trovi qui l’articolo specifico in cui te ne parlo).

Gli aspirapolveri Dyson funzionano senza sacchetto e senza filo. Hanno un’autonomia di quaranta minuti e una potenza di aspirazione davvero molto elevata.

Di solito si dice che un classico aspirapolvere a traino sia molto più potente di tutte le scope elettriche… provate un Dyson!

Te ne mostro uno nell’immagine sottostante.

Differenza tra aspirapolvere e scopa elettrica
photocredits: Dyson

La sua particolarità sono sicuramente le spazzole e la potenza di aspirazione, oltre al fatto che essendo senza filo ti permette di pulire tutta casa senza mai doverti fermare.

Quale scegliere ora che conosci la differenza tra aspirapolvere e scopa elettrica

Ovviamente è a discrezione di chi fa le pulizie domestiche. Personalmente ti posso dire che, avendo provato entrambi i sistemi, preferisco di gran lunga la scopa elettrica.

È molto più comoda e immediata. Certo non ha un serbatoio dello sporco capiente come un aspirapolvere, ma io trovo che sia solo un vantaggio.

Perché?

Se ci pensi l’aspirapolvere non è che un ricettacolo di batteri, sporcizia, piccoli insetti come ad esempio acari.

Tu aspiri e, una volta finito, lo riponi da qualche parte con il suo concentrato di sporcizia all’interno. Trovo sia meno igienico dell’avere una scopa elettrica che, una volta finito di usare, puoi svuotare facilmente.

Differenza tra aspirapolvere e scopa elettrica

La potenza di un Dyson ti permette di raccogliere tutta la sporcizia, anche la più minuscola e ha una lunga autonomia. A meno che tu non abbia un castello una scopa elettrica è perfetta.

Se vuoi saperne di più utilizza il banner qui sotto, potrai vedere tutte le offerte disponibili e gli sconti. Inoltre con questo link potrai avere uno sconto di 15 euro sul tuo primo acquisto.

Pro e contro

Il primo punto contro la scopa elettrica è la potenza, secondo alcuni non ci puoi pulire i tappeti e/o la moquette. Forse era vero per le prime scope elettriche, ora hanno una potenza di tutto rispetto e le migliori vengono vendute con un kit di accessori (spazzole) che puliscono anche quelli.

Nel dubbio opta per la migliore scopa elettrica che puoi trovare sul mercato, con il miglior rapporto qualità prezzo. A questo link trovi i Dyson, secondo il mio parere gli aspirapolvere fatti a scopa a elettrica migliori.

I modelli migliori hanno una durata che va dai quaranta ai settanta minuti. Sai quanta superfici riesci a pulire in oltre un’ora? Una reggia! Considera che un appartamento di circa 120 mq lo fai in circa quindici/venti minuti.

Le scope elettriche senza sacco fanno risparmiare tempo inoltre sono leggere, flessibili, e una volta vuotato il contenitore dello sporco anche più salutari.

In conclusione

La scelta non può che essere personale, quindi chi fa le pulizie deve poter prendere parte alla decisione dell’acquisto.

Nella valutazione è bene non tener conto solamente del costo (magari risparmi cento euro, ma porti a casa un prodotto scomodo o poco funzionale).

Tieni conto della potenza di aspirazione, della praticità, della durata della batteria o della lunghezza del filo, della quantità di accessori fornita in dotazione, del tipo di sacchetti che utilizza o di come viene svuotato il contenitore della sporcizia.

 

like commento condividi

#adv

Clicca per votare questo articolo!
[Voti: 1 Media: 5]
Marina Galatioto

Marina Galatioto

Marina Galatioto, autrice di molti romanzi pubblicati in self-publishing e con case editrici (che trovi su Amazon, anche in KU).
Blogger e social media manager ama scrivere e vedere sempre il lato positivo delle cose (il classico bicchiere mezzo pieno!)
Inguaribile ottimista, amante dei gatti e della lettura.

Articoli raccomandati

Lascia un commento lo leggerò con piacere